Fraintendimenti

IMG_20170117_122336 (1)

La parte migliore della donna non era il suo silenzio, ma lei lo impastava con la paura di parlare troppo e soffrire ancora. Lo serviva a chiunque, perché non sai mai chi sia veramente il tuo nemico.

La parte più bella dell’uomo era invece il sorriso.
Un boccone di denti bianchi in fila come soldati. Lui glielo mise addosso, indecente, come a volere dire cose che a stento si sarebbero potute sussurrare senza risultare sconveniente.

Lei gli piantò addosso i suoi occhi.
Li usava come arma contro il mondo. A volte duri, accompagnati dalla bocca sottile che non riusciva a sciogliersi, a volte umidi, pregni di ricordi non necessariamente brutti.

Oggi li aveva pieni di speranza, credendo di aver trovato finalmente un luogo sicuro tra quelle labbra.

Poi lui le si avvicinò, e poté sentire l’alito caldo sul viso; aveva un vago sentore di tabacco, come di chi è stato a lungo vicino a un fumatore.

Quando lui parlò, si trovò impigliata in quella lingua rossa che spiccava tra tanto bianco.

Ma furono la mano agitata a mezz’aria e la voce in falsetto a destarla dal suo sogno.

“Senti tesoro, hai un meraviglioso vestito, ne vorrei uno uguale, dove l’hai comprato?”

Advertisements

6 thoughts on “Fraintendimenti

  1. Silvia ha detto:

    Ahahahahah…..che delusione! 😛

  2. rodixidor ha detto:

    Simpaticissimo epilogo 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...