Sì, Chef. [Micronoir]

coltello-sangue-887291

Ti sgozzai. Ricordo solo questo. Presi il coltello, quello lungo che affilavo con amore per la gastronomia, e ti tagliai la gola.

Taglio netto, la lama Kyocera non perdona cipolle e porri, imparai che funziona anche con la carotide.

Mi stupì il fiotto di sangue: dopotutto non me lo aspettavo. Abituata alla carne più tenera per i miei piatti trovai fastidioso tutto quell’imbrattamento.

Cadesti a terra con sguardo assente, la vita ti aveva già abbandonato e ora il tuo corpo ingombrava la mia cucina di Chef.

Misi l’acqua a bollire e presi gli aromi.

In fondo di domenica è sempre stata tradizione fare il brodo.

Annunci

14 thoughts on “Sì, Chef. [Micronoir]

  1. rodixidor ha detto:

    Mi stupisce il tuo cambiamento di genere, la scrittura rimane efficace anche con il noir. 🙂

  2. ilgattosyl ha detto:

    Si ma del racconto noir c’è solo l’ultima pagina. 😉

  3. Paola ha detto:

    🙂 carino ❤

  4. Bia ha detto:

    peccato il micro, avrei letto volentieri un racconto più corposo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...